Opere abusive realizzate in area con vincolo paesaggistico: l’istanza di compatibilità deve essere trasmessa dal Comune

Bagheria - Foto di Emilia Machì

Opere realizzate in area vincolata La realizzazione di interventi edilizi in area paesaggisticamente vincolata è subordinata al (previo) rilascio del parere da parte della Soprintendenza territorialmente competente, fermo restando il rispetto dei parametri urbanistico-edilizi. Il mantenimento delle opere già realizzate, in assenza del parere paesaggistico, sarà a sua volta subordinato al rilascio della c.d. compatibilità… Continua a leggere Opere abusive realizzate in area con vincolo paesaggistico: l’istanza di compatibilità deve essere trasmessa dal Comune

In caso di sanatoria ex art. 36 T.U. Edilizia, il raddoppio del contributo riguarda solo il costo di costruzione

Foto di Emilia Machì

Un Comune della Provincia di Messina aveva comunicato che, ai fini del rilascio della concessione edilizia in sanatoria, sarebbe stato necessario procedere al pagamento del contributo regionale, dei diritti di segreteria, dei costi di costruzione in misura doppia e degli oneri di urbanizzazione in misura doppia. L’interessato ha proposto ricorso ritenendo eccessive le pretese economiche.… Continua a leggere In caso di sanatoria ex art. 36 T.U. Edilizia, il raddoppio del contributo riguarda solo il costo di costruzione

Può essere negata la sanatoria nel caso in cui sul medesimo lotto insistano altri immobili abusivi?

Foto di Emilia Machì

Il proprietario di un importante complesso immobiliare, costituito da una vasta area ove esercita l’attività di deposto carburanti, sulla quale insistono diversi manufatti e attrezzature tutti funzionali alla attività esercitata aveva realizzato su detta area un locale tecnico e le tettoie per la cui regolarizzazione presentava al Comune una istanza di accertamento di conformità. Il… Continua a leggere Può essere negata la sanatoria nel caso in cui sul medesimo lotto insistano altri immobili abusivi?

Verbale di inottemperanza e accertamento di conformità. Individuazione dei limiti temporali entro cui il trasgressore potrà chiedere di regolarizzare gli abusi.

Verbale di inottemperanza Il verbale di inottemperanza è l’atto con il quale l’Amministrazione accerta l’intervenuta inottemperanza all’ordine di demolizione, disponendo l’acquisizione al patrimonio comunale dell’immobile abusivo e dell’area di sedime. La giurisprudenza amministrativa è concorde nell’affermare che esso “non ha carattere provvedimentale, ma di mero accertamento in ordine a fatti (inottemperanza all’ordine di demolizione) le cui conseguenze derivano… Continua a leggere Verbale di inottemperanza e accertamento di conformità. Individuazione dei limiti temporali entro cui il trasgressore potrà chiedere di regolarizzare gli abusi.

Relazione tecnica e grafico progettuale: quali conseguenze si configurano in caso di discordanza?

Foto di Emilia Machì

La presentazione di una istanza di sanatoria ex art. 36 del d.P.R. 380/2001 consente, se accolta entro 60 giorni dalla data di deposito, di regolarizzare le opere abusivamente realizzate mediante il rilascio di un titolo edilizio in sanatoria. L’istanza in commento è composta, in generale, da una relazione che descrive le opere e da uno… Continua a leggere Relazione tecnica e grafico progettuale: quali conseguenze si configurano in caso di discordanza?

Istanza di sanatoria ex art. 36 del d.P.R. 380/2001 presentata oltre i 90 giorni dalla notifica dell’ordinanza di demolizione

La mancata demolizione delle opere abusivamente realizzate, entro i termini indicati nell’ordinanza, comporta la loro acquisizione al patrimonio comunale. Il C.G.A.R.S. nella sentenza n. 1075, emessa il 24.12.2021 si sofferma sulla questione problematica concernente l’individuazione del limite temporale entro cui presentare una istanza di sanatoria ex art. 36 del d.P.R. 380/2001. L’art. 36 del d.P.R.… Continua a leggere Istanza di sanatoria ex art. 36 del d.P.R. 380/2001 presentata oltre i 90 giorni dalla notifica dell’ordinanza di demolizione

Il permesso di costruire in sanatoria “condizionato” alla realizzazione di ulteriori opere

Il permesso di costruire in sanatoria “condizionato” L’accoglimento di una istanza di sanatoria, formulata ai sensi dell’art. 36 del d.P.R. 380/2001, consente di regolarizzare le opere abusivamente realizzate, sempre che sussistano i presupposti previsti dalla legge e purché l’accoglimento stesso intervenga entro determinati termini. L’accoglimento dell’istanza di sanatoria si basa, essenzialmente, sul presupposto che l’intervento… Continua a leggere Il permesso di costruire in sanatoria “condizionato” alla realizzazione di ulteriori opere

L’accertamento di conformità: il C.g.a. fa il punto con tre pronunce del 2021

Con una serie di tre pareri depositati nel 2021 (n. 65, n. 97 e n. 115) il C.g.a. fa il punto su diversi aspetti controversi della istanza di accertamento di conformità ex art 36 del testo unico Edilizia. Le questioni affrontate sono le seguenti: a) metodo di impugnazione del diniego per silenzio rigetto Il silenzio… Continua a leggere L’accertamento di conformità: il C.g.a. fa il punto con tre pronunce del 2021