Condono ai sensi della l. n. 724/1994: la sentenza di condanna per il reato ex art. 416-bis c.p. determina il suo rigetto?

Foto di Emilia Machì

Riferimento normativo Ai sensi dell’art. 39, c. 1, l. n. 724/1994: “Il procedimento di sanatoria degli abusi edilizi posti in essere dalla persona imputata di uno dei delitti di cui agli articoli 416 bis, 648 bis e 648 ter del codice penale, o da terzi per suo conto, è sospeso fino alla sentenza definitiva di… Continua a leggere Condono ai sensi della l. n. 724/1994: la sentenza di condanna per il reato ex art. 416-bis c.p. determina il suo rigetto?

Si applica il silenzio assenso sul parere paesaggistico reso nel procedimento di condono del 2003 in Sicilia ? Risposta affermativa dal Tar Palermo

Foto di Emilia Machì

Il caso (affrontato con la sentenza n. 2400 del 25 luglio 2022) riguardava un ampliamento di un dammuso (tipica costruzione in pietra dell’isola di Pantelleria). L’interessato aveva presentato, in data 10/12/2004, istanza di concessione edilizia in sanatoria ai sensi della L. 326/03, volta a sanare alcuni ampliamenti e sistemazioni esterne, realizzate sull’edificio esistente, e a… Continua a leggere Si applica il silenzio assenso sul parere paesaggistico reso nel procedimento di condono del 2003 in Sicilia ? Risposta affermativa dal Tar Palermo

Chi ha usucapito un immobile, può subentrare nel procedimento di condono ?

Foto di Emilia Machì

Secondo il C.g.a., sì (sentenza n. 744 del 2022). L’art. 31, comma 3 della L. 47/85, prevede che “Alla richiesta di sanatoria ed agli adempimenti relativi possono altresì provvedere coloro che hanno titolo, ai sensi della L. 28 gennaio 1977, n. 10, a richiedere la concessione edilizia o l’autorizzazione nonché, salvo rivalsa nei confronti del… Continua a leggere Chi ha usucapito un immobile, può subentrare nel procedimento di condono ?

Condono edilizio e perizia giurata. Analisi dell’art. 28 della l.r. 16/2016 alla luce delle ultime modifiche introdotte dalla l.r. 2/2022.

L’art. 28, comma terzo, della l.r 16/2016 disciplina le modalità di definizione delle istanze di condono edilizio. In particolare, la norma prevede il deposito, da parte del tecnico incaricato, di una perizia giurata sulla quale, decorsi 90 giorni, si forma il silenzio assenso. Nella sua vecchia formulazione, il comma 3 dell’art. 28 disponeva, invece, che… Continua a leggere Condono edilizio e perizia giurata. Analisi dell’art. 28 della l.r. 16/2016 alla luce delle ultime modifiche introdotte dalla l.r. 2/2022.

Termine di decorrenza della prescrizione per il saldo dell’oblazione e gli oneri concessori nel condono – Il Tar Catania ribadisce il criterio da utilizzare

Termine di decorrenza della prescrizione per il saldo dell’oblazione e gli oneri concessori nel condono Il Tar Catania ribadisce il criterio da utilizzare L’art. 35, comma 18, della legge n. 47/1985 prevede testualmente che “fermo il disposto del primo comma dell’art. 40 e con l’esclusione dei casi di cui all’art. 33, decorso il termine perentorio… Continua a leggere Termine di decorrenza della prescrizione per il saldo dell’oblazione e gli oneri concessori nel condono – Il Tar Catania ribadisce il criterio da utilizzare

Il mancato rilascio del nulla osta della Soprintendenza può costituire motivo di diniego di condono ?

Il mancato rilascio del nulla osta della Soprintendenza può costituire motivo di diniego di condono ? Secondo il C.g.a. no. Ribaltando una pronuncia del Tar Palermo, il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana ha deciso che il mancato rilascio del parere della Soprintendenza non può costituire ragione di diniego del condono (sentenza n.… Continua a leggere Il mancato rilascio del nulla osta della Soprintendenza può costituire motivo di diniego di condono ?

A quale condizione la richiesta di condono può prevalere sulla intervenuta acquisizione da parte del Comune dell’opera abusiva ?

Benchè in base ai principi generali la mancata titolarità di un bene impedisca di disporne e di chiedere all’Amministrazione di regolamentarne la facoltà edificatoria, l’art. 43 della legge n. 47/1985 (recepito dall’art. 24 della l.r. n. 15/2004) dispone che “l’esistenza di provvedimenti sanzionatori non ancora eseguiti, ovvero ancora impugnabili o nei cui confronti pende l’impugnazione,… Continua a leggere A quale condizione la richiesta di condono può prevalere sulla intervenuta acquisizione da parte del Comune dell’opera abusiva ?